Clipping di aneurisma cerebrale
Riabilitazione dopo emorragia subaracnoidea aneurismatica (SAH)
22 Agosto 2021
L'uso dei rilevatori di vene negli ANA Labs
L'uso dei rilevatori di vene in ANA LAbs
22 Agosto 2021
mostra tutto

Incannulamento della fistola arterovenosa

Incannulamento della fistola arterovenosa

Il tipo più frequente di dialisi è l'emodialisi. È una tecnica che utilizza un rene artificiale chiamato emodializzatore. Il sangue viene prelevato dal corpo attraverso tubi e fatto circolare attraverso un dializzatore dove viene filtrato e pulito prima di essere restituito al corpo.

L'emodializzatore è collegato al corpo del paziente attraverso i vasi sanguigni; Cannulamento della fistola arterovenosa (AVF) e Catetere per accesso vascolare.

La fistola arterovenosa è l'accesso consigliato per la dialisi. Ciò è dovuto al suo alto tasso di pervietà e alla grande capacità di recupero dei siti di puntura.

Il tipo più frequente di fistola AV è quella che collega l'arteria radiale alla vena cefalica e si forma al polso del paziente. Nella parte superiore del braccio, si può formare una fistola collegando l'arteria brachiale alla vena ascellare o un'altra vena del braccio, che vanno tutte alla vena succlavia. Nei pazienti con opzioni di accesso limitate, può anche formarsi una fistola alla gamba.

Poiché il posizionamento e la direzione degli aghi di accesso possono variare, la selezione del sito dell'ago deve essere determinata prima di eseguire la preparazione della pelle e l'incannulazione dell'ago. Infatti, è difficile incannulare un vaso profondo, piccolo o rigido di una fistola AV al primo tentativo. Per questo motivo, i cercatori di vene sono altamente necessari.

Ad esempio, The Rilevatore portatile di vene FDA SIFVEIN-5.2 ha una profondità di scansione di un massimo di 10 mm, perfetta per mappare le vene del braccio e dell'avambraccio, che consente l'inserimento sicuro di un catetere in una vena centrale collassata e la puntura diretta ripetitiva di una vena femorale.

Il SIFVEIN-5.2 riduce il rischio di infezione del flusso sanguigno correlata al catetere evitando l'uso di un catetere permanente a doppio lume.

Quando un ago viene inserito utilizzando il metodo tradizionale e l'operatore determina che l'inserimento rischia di fallire (cioè, nessun ritorno di sangue, resistenza all'avanzamento del catetere, ecc.), è possibile utilizzare la guida in tempo reale del cercatore di vene per correggere la punta dell'ago Posizione.

In sintesi, l'utilizzo di un rilevatore di vene consente un'incannulazione vascolare guidata e precisa in tempo reale, che può avere una grande influenza sia sul paziente che sul budget.

Riferimenti: Campo di cannulazione: formazione di base sulla cannulazione con ago per il personale addetto alla dialisi, Tecnica di cannulazione,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

ACCEDI / REGISTRATI
0