Frazione di eiezione
Misurazione della frazione di eiezione guidata da scanner a ultrasuoni.
15 settembre 2020
L'utilità dei doppler fetali Bluetooth
L'utilità dei doppler fetali Bluetooth.
22 settembre 2020
mostra tutto

Terapia laser endovenosa (EVLT)

EVLT

Sezione longitudinale del muscolo e della vena che mostra il catetere laser in vena. FONTE: Basato su ACardio_20150210_v0_004. Utilizzato in 7B12207, 12B12210.

La terapia o trattamento laser endovenoso (EVLT) è una procedura che utilizza il calore del laser per trattare le vene varicose (vene gonfie e ingrossate), in cui si verificano più spesso nelle gambe (strette o polpacci) e possono svilupparsi quando le valvole vengono danneggiate nelle vene .  

Tuttavia, in una vena varicosa il sangue scorre all'indietro e rimane nella vena. Di conseguenza, la vena si espande, si allunga e si attorciglia. Che gli impedisce di far circolare il sangue in modo efficace.   


Qual è il laser migliore per la terapia laser endovenosa (EVLT)?

La procedura EVLT inizia con un radiologo interventista (IR) che inserisce un catetere nella vena varicosa. Usando gli ultrasuoni per vedere all'interno del paziente, il medico guida il catetere attraverso la vena.

Quindi un laser all'estremità del catetere riscalda le pareti della vena, che la chiude e questo fa sì che il sangue smetta di fluire attraverso la vena.

Il team di ricerca e sviluppo di SIFSOF consiglia sempre il sistema laser a diodi medicali SIFLASER-1.1 a flebologi, radiologi interventisti e chirurghi vascolari. In cui invia un raggio di radiazione da 300 m W sotto forma di luce che aiuta nell'EVLT.


Il SIFLASER-1.1 è un case di piccole dimensioni con una potenza di 15 W, questo sistema laser per mini chirurgia ha una lunghezza d'onda di 532 nm, 810 nm, 980 nm e 1064 nm per la scelta; può essere utilizzato sia in modalità continua che pulsata con un manipolo a contatto o senza contatto.  

La terapia laser endovenosa richiede solitamente circa 1 ora e la maggior parte dei pazienti può riprendere immediatamente le normali attività senza dover essere ricoverata in ospedale.


Durante la terapia, il medico eseguirà un piccolo taglio o incisione nella pelle e inserirà il catetere. Sarà guidato nella vena varicosa. Quindi una fibra laser verrà inserita nel catetere. Mentre il medico estrae lentamente il catetere, il laser riscalda la lunghezza della vena, che alla fine si chiuderà e alla fine dovrebbe ridursi. 

   
 Dopo una procedura EVLT, i medici generalmente raccomandano ai pazienti di indossare calze a compressione durante il processo di recupero per aiutare la circolazione. Ciò riduce la quantità di lividi o gonfiore che possono verificarsi dopo la procedura. Molto spesso i medici eseguono un'ecografia la settimana successiva per assicurarsi che non si siano formati coaguli nelle vene trattate.


Inoltre, i pazienti devono prendersi cura di se stessi per evitare il verificarsi di complicazioni post terapia quali: infezione, sanguinamento, coaguli di sangue, danni ai nervi nella zona trattata, ecc ...  

Riferimenti: Terapia laser endovenosa  ,    Terapia di ablazione , EVLT 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

ACCEDI / REGISTRATI
0