Localizzazione della tendinite calcifica della cuffia dei rotatori.
Barbotage guidato dagli USA per tendinite calcifica della cuffia dei rotatori
22 Agosto 2021
Incannulamento della fistola arterovenosa
Incannulamento della fistola arterovenosa
22 Agosto 2021
mostra tutto

Riabilitazione dopo emorragia subaracnoidea aneurismatica (SAH)

Clipping di aneurisma cerebrale

aneurisma cerebrale o intracranico è una dilatazione focale anormale di un'arteria nel cervello che deriva da un indebolimento dello strato muscolare interno (l'intima) della parete di un vaso sanguigno. Il vaso sviluppa una dilatazione “simile a una vescica”. Questo difetto può produrre pressione sulle strutture vicine, causando problemi come visione doppia o cambiamenti nella dimensione della pupilla. Può diventare sottile e rompersi senza preavviso. L'emorragia risultante nello spazio intorno al cervello è chiamata a emorragia subaracnoidea (SAH). Questo tipo di emorragia può portare a un ictus con conseguente disabilità, coma e/o morte.

Quindi un'emorragia subaracnoidea è un'emergenza medica e un trattamento immediato è essenziale per ridurre il rischio di danni cerebrali permanenti. Oggi ci sono due opzioni di trattamento per le persone a cui è stato diagnosticato un aneurisma cerebrale:

  • Ritaglio chirurgico.
  • Terapia endovascolare.

Ritaglio chirurgico:
Un'operazione per "tasare" l'aneurisma viene eseguita eseguendo una craniotomia (aprendo chirurgicamente il cranio) e isolando l'aneurisma dal flusso sanguigno posizionando una o più clip sul collo dell'aneurisma. Ciò elimina l'ulteriore flusso sanguigno nell'aneurisma, riducendo significativamente il rischio di rottura. Dopo aver ritagliato l'aneurisma, l'osso del cranio viene fissato nella sua posizione originale e la ferita viene chiusa. Il ritaglio chirurgico di un aneurisma viene sempre eseguito da un neurochirurgo qualificato e autorizzato.

Trattamento endovascolare:
Una tecnica meno invasiva chiamata trattamento endovascolare, non richiede una craniotomia. Questa tecnica utilizza gli spazi esistenti all'interno dell'arteria per fornire impianti in grado di sigillare la parete dell'aneurisma indebolita da qualsiasi ulteriore contatto con il flusso sanguigno arterioso pulsatile. L'accesso ai vasi sanguigni avviene tramite una piccola incisione nella piega inguinale. Sotto la guida dei raggi X, viene utilizzato un microcatetere per raggiungere e fornire bobine nell'aneurisma per indurre il ristagno del flusso sanguigno nel sacco, portando alla trombosi (coagulazione) dell'aneurisma.

Il trattamento endovascolare a volte richiede l'uso di un dispositivo aggiuntivo come uno stent intracranico. Questo dispositivo consente il trattamento di una gamma più ampia di aneurismi che possono essere difficili da trattare con le sole bobine. Lo stent con avvolgimento utilizza un piccolo tubo a rete cilindrica flessibile che fornisce un'impalcatura per l'avvolgimento. Gli stent a bassa porosità oi deviatori di flusso raggiungono l'occlusione dell'aneurisma senza posizionare le bobine nel sacco dell'aneurisma. Questi dispositivi funzionano reindirizzando il flusso per rimanere all'interno del vaso genitore, inducendo anche trombosi nel sacco aneurismatico.

Il recupero da un aneurisma cerebrale o da un'emorragia subaracnoidea è un evento importante della vita che continua a lungo dopo la dimissione dall'ospedale. A seguito di una lesione cerebrale, i pazienti spesso affrontano una miriade di cambiamenti fisici, emotivi e cognitivi, che vanno da piccoli contrattempi a grandi sfide con un impatto duraturo. La riabilitazione può influenzare in modo significativo il recupero a lungo termine aiutando i pazienti a imparare nuovi modi per compensare le capacità che potrebbero essere state perse o influenzate dalla loro lesione cerebrale. I servizi di riabilitazione includono trattamenti fisici, mentali ed emotivi che aiutano il cervello ferito a creare nuove connessioni.

La maggior parte dei programmi di riabilitazione si concentra su tre tipi di terapie:

  • Terapia fisica
  • Terapia occupazionale
  • Logoterapia

In questo articolo ci occuperemo in particolare della riabilitazione fisica e della riabilitazione della mano. Gli effetti debilitanti sulla funzione della mano a causa del danno neurologico che può derivare dall'emorragia subaracnoidea e dalla chirurgia dell'aneurisma cerebrale ha dato origine allo sviluppo di dispositivi robotici riabilitativi volti a ripristinare la funzione della mano in questi pazienti.

La robotica convenzionale è composta da metallo che fornisce una struttura rigida per assistere nella funzione motoria. È possibile che le strutture rigide di questi dispositivi stiano ostacolando il potenziale terapeutico della robotica riducendo le loro qualità biomimetiche. Ciò può includere la riduzione del movimento in direzioni non attuate come l'abduzione del dito o potrebbe includere l'avere assi di rotazione rigidi che si disallineano con l'asse anatomico del dito durante il movimento.

Al contrario, adottiamo la robotica morbida che è fabbricata con materiali facilmente deformabili come fluidi, gel e polimeri morbidi che hanno migliori qualità biomimetiche grazie alla loro maggiore conformità e versatilità mentre si conformano ai contorni del corpo umano. La mancanza di componenti rigidi rimuove i vincoli sui gradi di libertà non attivati ​​e riduce anche i problemi di allineamento del giunto, che potrebbero prevenire danni al giunto. Inoltre, la robotica morbida può essere più leggera e avere un design più semplice, il che la rende più facilmente trasportabile e apre la possibilità di riabilitazione a casa.

 I nostri prodotti per la riabilitazione pensati per cliniche come la SIFREHAB-1.2 pone l'accento sull'incrocio tra tecnologie dell'informazione, scienza dei dati, scienza dei materiali e neuroscienze, mentre le sovrapposizioni nei nostri prodotti elettronici di consumo come il SIFREHAB-1.0 (uso domestico) sono, principalmente, nell'area della scienza dei materiali, della comunicazione, della navigazione e dei giochi.

Ritaglio chirurgico L'avvolgimento endovascolare di un aneurisma viene sempre eseguito da un neurochirurgo qualificato e autorizzato o da un neurointerventista qualificato e autorizzato.

Riferimento: Fondazione per l'aneurisma cerebrale (bafound.org)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

ACCEDI / REGISTRATI
0