Terapia laser per il cancro del polmone non a piccole cellule
Terapia laser per il cancro del polmone non a piccole cellule
1 aprile 2022
Recupero guidato dalla riabilitazione delle funzioni motorie dopo l'ictus
Recupero guidato dalla riabilitazione delle funzioni motorie dopo l'ictus
1 aprile 2022
mostra tutto

Trattamento del carcinoma renale a cellule chiare con il laser

Trattamento del carcinoma renale a cellule chiare con il laser

Una persona con carcinoma a cellule renali a cellule chiare (ccRCC) ha un cancro ai reni nei tubuli che filtrano i rifiuti dal sangue. Le cellule tumorali sembrano bolle chiare al microscopio. ccRCC è il cancro del rene più comune.

La maggior parte dei tumori renali come il carcinoma a cellule renali a cellule chiare si sviluppa senza una ragione nota. Ma alcuni fattori possono aumentare il rischio, come ad esempio:

  • Fumo.
  • L'obesità.
  • Alta pressione sanguigna (ipertensione).
  • Malattia renale che richiede la dialisi.
  • Esposizione a tossine sul posto di lavoro come il tricloroetilene, un solvente.
  • Uso prolungato di analgesici come il paracetamolo

Sorprendentemente, il carcinoma a cellule renali a cellule chiare di solito non causa sintomi evidenti nella sua fase iniziale. Con il progredire della malattia, i pazienti possono sperimentare:

  • Sangue nelle urine (ematuria).
  • Fatica.
  • Febbre.
  • Grumo, dolore al fianco o entrambi sul lato del rene malato.
  • Perdita di peso inspiegabile.

Uno dei trattamenti più comunemente seguiti riguardo a questo problema è la terapia laser. In effetti, è stato riportato un grande successo per il trattamento laser del carcinoma a cellule squamose. In questo caso, i raggi laser sono ovviamente usati per distruggere le cellule tumorali.

Tuttavia, è importante notare che la perfetta esecuzione di tale compito richiede una macchina laser adeguata e altamente professionale.

In questo senso, il Sistema laser per chirurgia portatile FDA SIFLASER-1.2A si presenta come uno dei dispositivi più raccomandati tra i chirurghi oncologici vista la sua elevata efficacia nel trattamento dei tumori della pelle in particolare.

Per spiegare più in dettaglio, la luce laser blu di questo dispositivo interagisce meglio con i componenti del tessuto emoglobina o melanina. A 980 nm (la radiazione laser di alto livello necessaria), la macchina esegue un taglio migliore e più delicato, anche a potenza inferiore.

Di conseguenza, le sue prestazioni di taglio migliorate lo rendono ideale per tutte le applicazioni chirurgiche, in particolare per il cancro del rene.

Ciò che rende anche il SIFLASER-1.2A molto apprezzato e raccomandato dai chirurghi è che mostra un allineamento accurato e un'osservazione esatta durante il trattamento. Tutto grazie al suo raggio di mira verde.

Per migliorare ulteriormente il trattamento, il dispositivo è supportato da un laser guida in fibra. Quindi, è compatibile con vari usi endoscopici. Inoltre, queste speciali fibre sono sterilizzabili che, a loro volta, prevengono ogni possibile infezione crociata garantendo al contempo un'area operatoria pulita e senza sangue.

Con una lunghezza d'onda di 980 nm e una potenza massima di 15 W, si pensa che il dispositivo risolva perfettamente il problema del carcinoma a cellule chiare. Ciò è altamente attribuito al fatto che il SIFLASER-1.2 A utilizza lunghezze d'onda infrarosse e luce ultra-blu per garantire prestazioni di alto livello. Si vede anche che ciò riduce il danno termico e la sua peculiare interazione con l'emoglobina.

Grazie a tutte queste caratteristiche, il SIFLASER-1.2 A garantisce una maggiore efficacia di taglio, molto superiore a quella ottenuta con i laser a infrarossi.

Gli studi stimano che il tasso di sopravvivenza a 5 anni di CCS sia compreso tra il 30% e il 67%. La prognosi per la CCS è sfavorevole perché spesso si diffonde rapidamente ad altre parti del corpo e spesso si ripresenta dopo il trattamento. Ciò richiede controlli regolari e cure costanti. Fortunatamente, il trattamento laser ha recentemente dimostrato di essere abbastanza efficace in termini di diagnosi precoce e trattamento di questo particolare problema, soprattutto perché si è rivelato un'aggiunta di successo alla chirurgia del cancro in generale.

In questa luce, abbiamo discusso i vantaggi della terapia laser e precisamente l'efficacia di SIFLASER-1.2 A come dispositivo laser chirurgico in grado di trattare efficacemente il problema del carcinoma a cellule chiare.

Riferimento: Carcinoma a cellule renali a cellule chiare

Dichiarazione di non responsabilità: sebbene le informazioni che forniamo siano utilizzate da diversi medici e personale medico per eseguire le loro procedure e applicazioni cliniche, le informazioni contenute in questo articolo sono solo a scopo informativo. SIFSOF non è responsabile né per l'uso improprio del dispositivo né per la generalizzabilità errata o casuale del dispositivo in tutte le applicazioni o procedure cliniche menzionate nei nostri articoli. Gli utenti devono avere la formazione e le competenze adeguate per eseguire la procedura con ciascun sistema Laser.

I prodotti menzionati in questo articolo sono in vendita solo a personale medico (medici, infermieri, professionisti certificati, ecc.) O ad utenti privati ​​assistiti da o sotto la supervisione di un professionista medico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

ACCEDI / REGISTRATI
0