Biopsia con ago ecoguidata delle lesioni mammarie.
Biopsia core-ago guidata da ultrasuoni di lesioni mammarie
21 settembre 2021
FNAB . guidato dagli Stati Uniti
Biopsia di aspirazione con ago sottile ecoguidata della tiroide
29 settembre 2021
mostra tutto

Diagnosi ecografica oculare di emorragia del vitreo

Diagnosi ecografica oculare di emorragia del vitreo

L'emorragia del vitreo (VH) è un'importante condizione oftalmica che può causare una brusca diminuzione dell'acuità visiva (VA) e spesso si verifica come complicazione di una malattia sottostante. VH ha un'incidenza annuale da 7 a 15.4 casi per 100,000 persone, a seconda della popolazione studiata. Alcune delle principali cause di VH possono essere la retinopatia diabetica proliferativa (PDR), le occlusioni venose retiniche (RVO), i traumi oculari, il distacco del vitreo posteriore con o senza lesione retinica, ecc.

Durante l'evento emorragico acuto, il sangue passa attraverso fori o aperture nell'ialoide posteriore nella corteccia vitrea, richiedendo da settimane a mesi per liberarsi da questa posizione. Un'emorragia del vitreo può derivare da retinopatia proliferativa, la condizione in cui nuovi vasi sanguigni anormali crescono sulla superficie della retina. Questo è indicato come neovascolarizzazione. Quando non vengono trattati, questi nuovi vasi sanguigni possono continuare a crescere e diffondersi attraverso il vitreo nell'area della pupilla. Ciò può aumentare la pressione oculare (pressione all'interno dell'occhio) che preme sul nervo ottico. Il danno al nervo ottico è irreparabile e può portare alla perdita della vista. Il sanguinamento da un'emorragia del vitreo può anche causare la formazione di tessuto cicatriziale vicino alla parte posteriore dell'occhio. Ciò può allontanare la retina dal rivestimento posteriore dell'occhio, richiedendo un trattamento aggiuntivo per evitare che la retina si stacchi e danneggi permanentemente la vista.

I medici esamineranno gli occhi del paziente e esamineranno la loro storia medica per determinare la causa dell'emorragia e raccomandare il trattamento appropriato. Per confermare la diagnosi, possono essere eseguiti una serie di test diagnostici come:

  • Gonioscopia
  • Visita oculistica dilatata
  • IOP
  • Oftalmoscopia indiretta
  • Esame con lampada a fessura
  • B-scan

La standardizzazione di Nussenblatt per le opacità vitreali potrebbe essere utilizzato come sistema per classificare clinicamente le opacità. In questa scala, la visione clinica attraverso oftalmoscopia indiretta del fondo è confrontato con una serie di fotografie standard con diversi gradi di foschia vitrea. Questa scala è un modo semplice per classificare una VH, consentendo al medico nella pratica clinica quotidiana di ricordare approssimativamente le strutture che devono essere visibili, al fine di classificare l'emorragia senza guardare costantemente le immagini di riferimento.

Sebbene la scala di valutazione di Nussenblatt sia diventata lo standard per più di 30 anni, si potrebbero considerare diversi problemi con questo sistema. In primo luogo, potrebbe avere un moderato accordo tra osservatori, come riportato da Hornbeak et al. In secondo luogo, come variabili categoriali, i pazienti che rientrano tra le categorie potrebbero cedere all'interpretazione soggettiva di ogni singolo esaminatore e, quindi, potrebbero risultare in un basso accordo tra gli osservatori; terzo, la scala non consente un'adeguata misurazione del miglioramento sporadico o interventistico, indipendentemente dall'opacità del vitreo. Pertanto, un metodo di classificazione più obiettivo e riproducibile potrebbe rivelarsi utile.

La quantificazione delle emorragie vitreali (VH) denominata guadagno minimo dell'immagine (MIG) può essere determinata mediante ultrasuoni. Dalla sua introduzione nel campo dell'oftalmologia nel 1956. L'ecografia oculare è diventata uno strumento prezioso che aiuta a determinare diagnosi e decisioni terapeutiche. Tutti i sistemi ad ultrasuoni consentono di regolare l'amplificazione dei segnali dell'eco, ovvero l'intensità del fascio di ultrasuoni. La modifica dell'ampiezza modificherà il guadagno o l'impostazione della sensibilità del sistema. Il guadagno viene misurato in una scala logaritmica in decibel (dB), che rappresentano le unità relative dell'intensità degli ultrasuoni dall'eco di ritorno. Livelli di guadagno più elevati consentono una maggiore capacità di visualizzare echi più deboli, come le opacità del vitreo, mentre livelli di guadagno inferiori consentono di visualizzare solo echi più forti, ad esempio la sclera. Pertanto, i livelli di guadagno potrebbero rivelarsi utili come scala di misura per determinare l'intensità del segnale più bassa ottenuta da una specifica struttura (nel caso in questione, l'umor vitreo e VH).

La densità di un tessuto specifico scansionato da un'ecografia potrebbe essere determinata conoscendo l'impedenza acustica e la velocità del suono in quel tessuto, il che implicherebbe avere diversi adattamenti software nel sistema ecografico. Una soluzione più semplice potrebbe essere quella di modificare l'ampiezza dei segnali di eco. La maggior parte (se non tutti) i sistemi a ultrasuoni oculari hanno la possibilità di alterare il guadagno o la sensibilità per visualizzare una struttura. Con un guadagno inferiore, l'ampiezza dell'onda ultrasonica non sarà abbastanza forte e si attenuerà mentre attraversa il tessuto (in questo caso, la cavità vitrea). Una maggiore sensibilità riduce l'attenuazione, consentendo la visualizzazione di dettagli minuti. Diminuire il guadagno fino a quando non viene visualizzato alcun umor vitreo (o VH) (guadagno minimo) significherebbe che la densità specifica del tessuto (vitreo ed emorragia) sarebbe sufficiente per attenuare il segnale a quello specifico dB. È stato dimostrato che i VH hanno misurazioni MIG inferiori (52.8 dB) rispetto ai controlli (77.97 dB). A causa dell'emorragia, la densità del vitreo è maggiore e quindi la MIG è minore.

Come da protocollo: Con il paziente in decubito dorsale, una sonda ecografica B-scan da 10 MHz (con profondità di esplorazione da 20 a 60 mm, fuoco da 21 a 25 mm, risoluzione assiale di 150 µm e risoluzione laterale di 300 µm) viene utilizzato per valutare il quadrante temporale del globo. Si ottiene un'immagine longitudinale in cui è possibile visualizzare la testa del nervo ottico, la macula, la retina periferica e il muscolo retto esterno. Pertanto, il meridiano delle ore 9 viene analizzato per l'occhio destro e il meridiano delle ore 3 per l'occhio sinistro.

Sulla base dei protocolli di screening ecografico oculare per l'emorragia del vitreo, consigliamo vivamente lo scanner per ultrasuoni oftalmico SIFULTRAS-8.1. Questa ecografia consente agli operatori di visualizzare facilmente i segmenti anteriore e posteriore dell'occhio; fornire informazioni importanti non possibili con il solo esame clinico. Dotato di B-scan alla gamma di frequenze: 10 MHz/20 MHz (opzionale), a comando magnetico e silenzioso, ingrandimento in tempo reale, profondità di 60 mm, questo dispositivo si è dimostrato una scelta eccellente per la diagnosi dell'emorragia del vitreo. Migliora la parte del corpo vitreo e della retina con un guadagno della sonda di 30dB-105dB perfettamente adatto per la classificazione dell'emorragia del vitreo. Inoltre il SIFULTRAS-8.1 è dotato di una modalità A-scan per la misurazione della profondità della camera anteriore, dello spessore della lente, della lunghezza del corpo vitreo e della lunghezza totale per la chirurgia della cataratta per scegliere la sostituzione della lente giusta e per la diagnosi dei tumori.

Questa procedura deve essere eseguita da un oculista qualificato*

Riferimento: Emorragia del vitreo: diagnosi e trattamento
Scala per la classificazione fotografica della foschia vitrea nell'uveite

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

ACCEDI / REGISTRATI
0