Vestibuloplastica con laser a diodi
Vestibuloplastica con laser a diodi 980 nm
17 settembre 2021
Diagnosi ecografica oculare di emorragia del vitreo
Diagnosi ecografica oculare di emorragia del vitreo
29 settembre 2021
mostra tutto

Biopsia core-ago guidata da ultrasuoni di lesioni mammarie

Biopsia con ago ecoguidata delle lesioni mammarie.

La biopsia core-ago ecoguidata sul seno è un'alternativa affidabile alla biopsia chirurgica per una diagnosi istologica. La biopsia percutanea è meno invasiva della chirurgia. Può essere eseguita rapidamente, non deforma la mammella, provoca cicatrici minime, complicazioni (ematomi e infezioni) si verificano raramente (meno di un caso su 1,000), sono necessari meno interventi chirurgici per le pazienti che si sottopongono a biopsie percutanee e di conseguenza il costo della diagnosi è più basso.

Due sono gli obiettivi principali delle tecniche di biopsia percutanea: primo, raggiungere il massimo grado di accuratezza e secondo, offrire quante più informazioni possibili sul tumore (tipo, grado, invasione, recettori ormonali, HER-2 NUOVA, eccetera.). Per raggiungere questi obiettivi, i dispositivi per biopsia percutanea si sono evoluti, dalla citologia con agoaspirato alla biopsia con ago centrale (CNB) e successivamente alla biopsia assistita da vuoto (VAB). 

 Al giorno d'oggi, la biopsia mammaria con ago centrale ecoguidata è diventata la prima scelta per eseguire una biopsia percutanea per la maggior parte delle lesioni osservate con gli ultrasuoni. Praticamente qualsiasi lesione mammaria chiaramente visibile agli ultrasuoni può essere campionata sotto guida ecografica. Prima di eseguire qualsiasi procedura percutanea ecoguidata, la lesione deve essere valutata
completamente con un'ecografia diagnostica in conformità con il Parametro di pratica ACR per l'esecuzione di a
Esame ecografico del seno
e valutata da un medico qualificato per interpretare l'esame. I risultati su altre modalità di imaging (come mammografia o risonanza magnetica) o sull'esame clinico dovrebbero
essere correlati con quelli osservati dagli ultrasuoni prima che venga intrapresa la procedura interventistica.

vantaggi:
Quando una lesione può essere visualizzata ecograficamente, la guida ecografica è generalmente preferita rispetto ad altre modalità perché è spesso più veloce, consente l'imaging in tempo reale del processo di campionamento ed è più confortevole per il paziente.
Gli ultrasuoni non richiedono né radiazioni ionizzanti, a differenza delle modalità mammografiche, né contrasto endovenoso, a differenza di
risonanza magnetica. L'uso di una guida ecografica quando appropriato presenta anche vantaggi in termini di costi perché i tempi della procedura tendono ad essere
l'attrezzatura più corta e ad ultrasuoni è meno costosa e spesso più facilmente disponibile rispetto alle altre modalità.
Inoltre, sia le biopsie mammografiche che quelle guidate da risonanza magnetica generalmente richiedono dispositivi assistiti dal vuoto, mentre
le biopsie ecografiche di solito possono essere eseguite con dispositivi per biopsia a nucleo grande a molla a basso costo o,
se del caso, dispositivi assistiti dal vuoto.

Inoltre, l'analisi del flusso sanguigno intratumorale è ben correlata con l'aggressività e il grado istologico della massa, quindi una valutazione preoperatoria mediante Color Doppler può fornire informazioni prognostiche preliminari utili per la pianificazione terapeutica. L'ecografia color Doppler può essere utile anche per valutare l'efficacia della chemioterapia neoadiuvante ed in particolare dei trattamenti antiangiogenetici.

Svantaggi
Il principale svantaggio della biopsia con ago-core ad ultrasuoni è la limitazione dell'esecuzione di una biopsia su lesioni che non sono visibili con gli ultrasuoni. La maggior parte delle microcalcificazioni raggruppate, specialmente se non sono all'interno di una massa, non possono essere identificate con gli ultrasuoni. Tuttavia, i trasduttori ad alta risoluzione possono dimostrare alcune microcalcificazioni a cluster anche in assenza di massa. Sebbene la maggior parte delle procedure ecografiche CNB siano facili da eseguire, in alcune situazioni speciali (lesioni localizzate in profondità, pazienti con impianti, lesioni ascellari, ecc.) è necessario un alto livello di esperienza per ottenere risultati affidabili.

L'uso di sonde ad alta frequenza (da 10 a 12 MHz), regolazioni della gamma dinamica e scale di grigi post-elaborazione, nonché una corretta messa a fuoco, sono importanti per migliorare la visibilità delle lesioni mammarie. Dopo aver localizzato la lesione con gli ultrasuoni, la procedura viene eseguita in regime ambulatoriale, utilizzando la tecnica a mano libera: una mano tiene la sonda e l'altra tiene l'ago. Uno dei principali vantaggi della biopsia nucleo-ago guidata da ultrasuoni è il pieno controllo della posizione dell'ago in tempo reale, consentendo correzioni nella direzione dell'ago.

Come regola generale, dovrebbe essere utilizzata la via più breve dalla pelle alla lesione. Un approccio verticale sarebbe il migliore, ma non è possibile sotto guida ecografica. Tuttavia, dovrebbe essere utilizzato un approccio obliquo, il più parallelo possibile alla parete toracica. Questo è il modo per evitare il pneumotorace, la peggiore complicazione di questa tecnica. Questo approccio consente anche la migliore visualizzazione dell'ago, perché anche gli aghi di grosso calibro sono difficili da visualizzare se si utilizza un angolo ripido a causa degli echi meno riflettenti. Tuttavia, quando l'ago è parallelo alla sonda, viene massimizzato il numero di echi riflessi generati dall'ago che sono perpendicolari al fascio di ultrasuoni, in modo da poter identificare l'ago. Questo approccio orizzontale può essere utilizzato per eseguire una biopsia per lesioni cutanee.

Il termoprotettore Scanner a ultrasuoni wireless Color Doppler 3 in 1 SIFULTRAS-3.32 con la sua sonda lineare ad alta frequenza, in particolare a 7.5-10 MHz, è un'ottima guida per la biopsia con ago centrale delle lesioni mammarie. Dotato di elementi: 192 questa ecografia fornisce un'imaging ad altissima risoluzione. Grazie al suo ingombro ridotto aiuta nella valutazione dei tessuti molli che porta a un'accurata biopsia core-ago. Dotato di sistema color doppler il SIFULTRAS-3.32 potrebbe fornire informazioni prognostiche preliminari utili per la pianificazione terapeutica attraverso l'analisi del flusso sanguigno intratumorale che correla con l'aggressività e il grado istologico della massa come precedentemente trattato. Questo scanner è inoltre dotato di una sonda convessa che lo rende un dispositivo altamente versatile che serve vari medici e campi

Le procedure interventistiche mammarie percutanee ecoguidate devono essere eseguite da medici che soddisfano
qualifiche descritte nel Parametro di pratica ACR per l'esecuzione di un esame ecografico del seno *

Riferimenti: Biopsia ecoguidata core-ago delle lesioni mammarie
Il color Doppler ha un ruolo nella valutazione delle lesioni mammarie?


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

ACCEDI / REGISTRATI
0